COCAINA

Ecco alcuni sintomi dell’uso di cocaina:

  • Un incremento di energia che solitamente la persona non manifesta
  • Pupille dilatate
  • Eccessiva loquacità
  • Tensione e irrigidimento muscolare
  • Aggressività senza motivo
  • Insonnia
  • Battito accelerato delle pulsazioni del cuore

Questa sostanza può essere inalata o fumata. Entrambe le modalità di assunzione portano la persona a diventarne dipendente in maniera quasi immediata.

Quindi se vedete un vostro caro cambiare in breve tempo comportamento e manifestare i sintomi sopracitati potrebbe trattarsi proprio di dipendenza da cocaina.

MARIJUNA & HASHISH

Queste due sostanze vengono fumate in particolari sigarette ‘artigianali’, comunemente chiamate “canne”. Si può notare subito la differenza dall’odore, molto differente da quello delle normali sigarette da tabacco.

Entrambe hanno effetti simili per via della presenza dello stesso principio attivo chiamato “THC”, che se presente in grandi quantità può portare ad effetti molto indesiderati che comprendono attacchi d’ansia e talvolta persino allucinazioni.

Le canne sono le droghe maggiormente sottovalutate, ma fate attenzione, poiché non sono per niente innocue.

I sintomi prodotti da queste 2 sostanze sono :

  • Occhi rossi
  • Palpebre a mezz’asta
  • Iniziale sensazione di rilassamento
  • Risata incontrollata
  • Forte appetito anche se la persona ha appena consumato un pasto
  • Sonnolenza
  • Gola secca e molta sete
  • Può provocare stati d’ansia
  • Temporaneo abbassamento o innalzamento della pressione.

EROINA

L’eroina è una droga di origine naturale che crea una fortissima dipendenza ed è responsabile di molte morti tra i tossicodipendenti.

Può essere sniffata (assunta tramite le narici) o presa per via endovenosa. Una volta assunta provoca i seguenti effetti:

1° (immediatamente): si raggiunge un’estasi che si diffonde a tutta la muscolatura del corpo, si ha confusione mentale e generale, senso di calore frequente anche dopo l’effetto, sudorazione fredda, mancamenti, talora vomito e nausea, bradicardia, dispnea e analgesia.

2° (dopo circa 20 minuti): la persona non pensa più lucidamente, il pensiero è rallentato e perde un senso logico; l’umore è o euforico, o l’esatto contrario e le percezioni temporali sono largamente alterate: le ore sembrano minuti, i minuti secondi.

3° (dopo circa un’ora): compare il picco massimo dell’effetto: la mente raggiunge una sensazione di pace, il corpo, anestetizzato da un incondizionato senso di piacere misto ad un’esaltazione interiore, tende ad isolarsi per “vivere” l’esperienza e ogni tipo di problema tende ad essere dimenticato. Ma solamente fino a che non scende l’effetto. In seguito la persona dipendente avrà bisogno di una quantità sempre maggiore per ottenere questo stesso effetto di piacere, auto-distruggendosi piano piano e rischiando ogni volta la morte per overdose (dose eccessiva).

I più importanti effetti collaterali a lungo termine quindi riguardano principalmente l’instaurarsi di una dipendenza fisica e psichica a seguito di un determinato periodo di tempo – che varia da persona a persona – di uso costante della sostanza.  A volte, il soggetto non avvertendo sintomi di astinenza dopo alcuni giorni di uso tende a sottovalutare il pericolo. Quando si prende atto dell’instaurata dipendenza è troppo tardi. Una volta instaurata la dipendenza, il tossicodipendente è “costretto” a continuare ad assumere la sostanza per evitare le fortissime crisi d’astinenza. La crisi di astinenza da questa droga dura in media da 48-72 ore fino a una settimana e si presenta circa 8 ore dopo l’ultima dose.

Ci sono tuttavia altri gravi effetti a lungo termine che non vanno sottovalutati, qui ne elenchiamo alcuni:

  • collassi vascolari (per le frequenti iniezioni)
  • infezioni dei vasi sanguigni e delle valvole cardiache
  • tubercolosi (conseguenza della cattiva condizione generale dell’organismo)
  • HIV o altre infezioni (ad esempio epatite C)
  • artrite
  • denti guasti e gengive infiammate
  • stitichezza
  • coma
  • malattie respiratorie
  • paralisi (paresi)
  • ridotta capacità sessuale e impotenza cronica nell’uomo
  • incapacità di raggiungere l’orgasmo per entrambi i sessi
  • disturbi mestruali nella donna
  • perdita della memoria e delle prestazioni intellettive
  • depressione
  • pustole sul viso
  • perdita di appetito
  • insonnia o sonnambulismo

ECSTASY, MDMA

Questo tipo di droga si fa strada sempre tra i più giovani e colpisce migliaia di persone portandole alla dipendenza di esse.

Tra gli effetti più comuni e ricercati dai giovani quando assumono la droga ci sono:

  • Euforia, senso di generale benessere, senso di felicità diffusa
  • Aumento dell’empatia, della socialità e dell’emotività
  • Alterazione della percezione dello scorrere del tempo
  • Leggere allucinazioni (specie a dosi elevate)

Ma sempre a breve termine, ci sono anche molti effetti collaterali per i quali l’uso di queste droghe è assolutamente da evitare:

  • Movimenti involontari degli occhi, mascelle digrignanti, lieve perdita del controllo muscolare, contrazioni involontarie dei muscoli
  • Convulsioni
  • Irrequietezza
  • Confusione
  • Panico
  • Pelle d’oca, secchezza alle fauci
  • Eccessivo surriscaldamento del corpo, sbalzi di pressione, basso livello di salivazione
  • Diminuzione dell’appetito, disidratazione
  • Acidità di stomaco, diarrea e nausea.

ALCOL

Come riconoscere i sintomi di un’alcolista:

Il primissimo sintomo, anche se può sembrare palese, è l’alito che odora di alcol. L’alcolista tenterà di nasconderlo o camuffarlo, ma ad un attento osservatore non sfuggirà. Inoltre la persona ubriaca barcolla e parla in maniera biascicata e poco chiara, presentando pensieri poco lucidi.

Ma come si fa a riconoscere un’alcolista quando è sobrio?

La dipendenza da Alcool porta la persona a fare cose “ strane” :

  • Nasconde bottiglie in posti strani o non comuni.
  • Nervosismo senza apparente motivo.
  • Eccessiva sudorazione  a prescindere dalla temperatura esterna
  • Debolezza fisica
  • Tremolio di mani e corpo
  • Poco appetito

L’alcol può causare gravissimi danni a lungo termine, in particolare patologie al fegato e al cuore.

Inoltre molti alcolisti hanno la tendenza a diventare violenti, soprattutto con i familiari, si infiammano subito e dicono e fanno cose che da sobri non farebbero mai. È molto pericoloso che una persona che ha assunto alcol o droghe si metta al volante, potrebbe causare gravi incidenti che coinvolgono anche altre persone.

 

Quelle sopracitate sono solo alcune delle più comuni droghe e sostanze di cui si abusa nella società odierna.

Il Programma Narconon si occupa di riabilitare persone dipendenti da tutti i tipi di droghe, per maggiori informazioni contatta i nostri operatori.

Contatti

0746-314922

377-9570636